“U PARRINU” la mia storia con Padre Pino Puglisi ucciso dalla mafia

“U PARRINU”

LA MIA STORIA CON PADRE PINO PUGLISI

UCCISO DALLA MAFIA

di e con Christian Di Domenico

Ho conosciuto don Puglisi quando ero piccolo; veniva a trascorrere alcuni giorni di vacanza con la mia famiglia. Era strano avere un prete in casa; si dicevano le preghiere a tavola e certe cose, in sua presenza, era difficile anche solo pensarle.

I suoi occhi brillavano di una luce speciale che non so spiegare.

Il 15 settembre 1993, giorno del suo 56°compleanno, un colpo di pistola alla nuca ha  spento quella luce e ha segnato un pezzo di storia della Chiesa e della società civile in Italia. Fu eliminato perché, sottraendo i bambini alla strada, li sottraeva al reclutamento della mafia. Ma se Don Pino fu giudicato dai boss di Cosa Nostra un fastidioso intralcio di cui liberarsi alla svelta, il suo assassinio fu soltanto il mostruoso epilogo di una lunga catena d’incomprensioni, inadempienze e silenzi da parte di tutti.

Il 25 maggio di quest’anno ( l’anno della Fede, per la Chiesa) si è celebrata la Beatificazione di Padre Puglisi, mentre il 15 settembre 2013 si commemoreranno i 20 anni dalla sua morte.

Porto sempre con me l’immagine di Padre Puglisi, è nelle mie preghiere.

Oggi sento il bisogno di raccontare la sua storia,intrecciandola con episodi salienti della mia biografia,in cui don Pino è presente anche quando è lontano, perché credo che possa aiutare le nuove generazioni a recepire quei valori di cui ogni sua azione compiuta era portatrice: Fede, Coraggio, Generosità, Altruismo, Umiltà.

E, soprattutto, capacità di Perdonare.

u parrinu rassegna stampa 1                    articolo interesse

Hystryo

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s